La bioristrutturazione, disponibile a Bergamo nel centro MYCLINIQUE, è un trattamento efficace e sicuro per combattere gli inestetismi cutanei. Con il passare del tempo la nostra pelle va incontro ad un inevitabile processo di invecchiamento. La prima fase di questo percorso degenerativo consiste nella perdita di elasticità e nella riduzione del livello di idratazione della pelle. Per contrastare questi primi effetti dell’invecchiamento si può ricorrere a dei cicli di biostimolazione. Quando però si arriva alle fasi più avanzate di tale processo e quindi oltre alla disidratazione si inizia ad osservare una consistente perdita del tono della pelle è consigliabile iniziare trattamenti di bioristrutturazione. Quindi sostanzialmente la differenza fondamentale tra le due tecniche consiste nel fatto che la biostimolazione è utile quando i segni che si intendono correggere non sono ancora molto marcati, mentre quando gli inestetismi da trattare sono già più evidenti e profondi è preferibile la bioristrutturazione.

 

CANDIDATO IDEALE

Il fatto che questo tipo di trattamento agisca su più di un aspetto lo rende adeguato per diversi tipi di soggetti. Il trattamento può essere applicato a persone di 20-30 anni con una pelle ancora giovane ma che desiderano conservarne o migliorarne l’elasticità, la luminosità e l’idratazione in questo caso quindi viene utilizzato prevalentemente con uno scopo preventivo. Allo stesso tempo la bioristrutturazione è indicata per soggetti intorno ai 40 anni il cui viso presenta già, in modo abbastanza visibile, i segni dell’età. Inoltre il trattamento viene spesso utilizzato anche in caso di soggetti che presentano cicatrici dovute ad acne, di solito come trattamento preliminare alla terapia laser. I principali casi in cui è utile utilizzare un trattamento di bioristrutturazione sono:

  1. Miglioramento dei segni cutanei legati all’invecchiamento quali rughe e solchi;

  2. Correzione di inestetismi su mani, braccia e collo;

  3. Risoluzione di edemi post-chirurgici;

  4. Trattamento di lesioni legate all’acne;

  5. Trattamento di cellulite e di smagliature.

 

COME FUNZIONA

La bioristrutturazione è un trattamento che ha come obiettivo quello di favorire la rigenerazione profonda della pelle attraverso l’introduzione nel derma di acido ialuronico a basso peso molecolare e altre sostanze come amminoacidi, vitamine e polinucleotidi, che aiutano ad attivare i processi metabolici dei fibroblasti, ovvero le cellule del derma responsabili della sintesi di collagene, elastina e acido ialuronico. Il meccanismo che sta alla base di questa tecnica consiste nell’attivazione dei recettori CD 40-44 dei fibroblasti che in questo modo sono stimolati ad incremetare la produzione di collagene fibrotico ovvero collagene di tipo I, ciò a sua volta comporta una maggiore distensione del tessuto soprastante. L’azione congiunta di acido ialuronico e polinucleotidi consente da un lato di ridare volume e luminosità e di garantire una buona idratazione, dall’altro di intervenire direttamente nella sintesi di DNA e RNA permettendo una più rapida ricostituzione della matrice intra ed extra cellulare. In questo modo il risultato consisterà in un miglioramento della pelle sia a livello superficiale che profondo.

 

PRIMA DEL TRATTAMENTO

È sempre consigliabile che prima del trattamento medico e paziente si confrontino sui risultati attesi. Prima di sottoporsi ad un trattamento di bioristrutturazione non è necessaria nessuna pratica particolare ma è possibile ottenere dei risultati migliori se prima la cute viene preparata attraverso un peeling.

 

IL TRATTAMENTO

Il trattamento viene effettuato in ambulatorio e senza necessità di anestesia, anche se in alcuni casi soprattutto quando vengono trattate aree molto delicate come ad esempio la bocca, è possibili utilizzare una crema anestetica per alleviare qualsiasi fastidio. Dal punto di vista pratico il trattamento consiste in un’iniezione che viene effettuata con una siringa con un ago molto sottile o con micro cannule, in questo secondo caso viene effettuato una sola puntura, necessaria per inserire la cannula dopodiché essa verrà fatta scorrere sotto il derma. La pratica ha la durata media di 30 minuti. Non si tratta di un trattamento che provoca dolore ma può causare fastidio dovuto alla puntura stessa. Ovviamente il livello di fastidio è variabile a seconda dell’area trattata e delle caratteristiche personali del soggetto ma in ogni caso viene definito come una sensazione tollerabile. Gli effetti saranno visibili sin dal primo trattamento ma per poter beneficiarne al massimo è necessario eseguire un ciclo di 3-4 sedute con intervalli di 2-4 settimane.

 

POST-TRATTAMENTO

Al termine della seduta è possibile ritornare subito alle attività quotidiane, è preferibile non truccarsi per le 2-3 che seguono il trattamento, mentre bisogna evitare di esporsi al sole o ad altre fonti intense di calore per almeno una settimana.

 

EFFETTI INDESIDERATI E CONTROINDICAZIONI

Si tratta di una tecnica sicura che se ben eseguita tende a non dare alcun problema nel post-trattamento. In genere subito dopo il trattamento è possibile che si verifichi un leggero arrossamento nel sito dell’iniezione, si tratta però di un effetto che tende a risolversi nel giro di qualche ora. Allo stesso modo c’è la possibilità che si formino ecchimosi e lividi che guariscono dopo qualche giorno. Un rischio riguarda possibili reazioni allergiche ai materiali iniettati. Le tecniche che utilizzano la bioristrutturazione sono controindicate in caso di gravidanza e allattamento, in caso di infezioni attive o malattie cutanee. Inoltre è consigliabile non assumere farmaci anticoagulanti nella settimana che precede il trattamento.

 

I RISULTATI

Grazie alla produzione di collagene fibroso i tessuti saranno più distesi e rassodati e i solchi saranno appiattiti. L’azione dell’acido ialuronico restituirà alla pelle idratazione, lucentezza e turgore. Sostanzialmente la bioristrutturazione consente una triplice azione:

  1. un'azione ristrutturante, dando alla pelle più compattezza;

  2. un’azione bio-rivitalizzante, andando a restituire vitalità all'ambiente fisiologico per favorire una migliore attività;cellulare che porta ad una maggiore produzione di collagene, di elastina e di acido ialuronico, che normalmente compongono il tessuto giovane;

  3. un’azione anti-ossidante, in quanto contrasta l’ azione dei radicali liberi e stimola il funzionamento fisiologico delle cellule della pelle alla quale viene conferita una nuova elasticità freschezza e bellezza.

Nel complesso si noterà un evidente ringiovanimento ma con un effetto del tutto naturale.

 

LA DURATA DEI RISULTATI

La durata dell’effetto, in linea di massima, è di circa 6 mesi, al termine dei quali è consigliata una seduta di mantenimento a cadenza semestrale per prolungare ulteriormente i vantaggi del trattamento. Ad ogni modo l’efficacia e la durata dei risultati sono fortemente influenzati anche da altri fattori quali ad esempio l’alimentazione del soggetto, il fumo, la condizione della pelle prima del trattamento e l’uso di altre protezioni anti-aging come creme ed integratori. Quindi sono diversi gli elementi che vanno tenuti in considerazione. È bene ricordare che non si tratta di un trattamento che comporta delle modifiche permanenti anzi, la bioristrutturazione va ad agire sulla stimolazione della componente biologica del derma andando ad incrementare l’attività delle cellule pertanto per mantenere elevato tale livello di attività è necessario ripetere periodicamente il trattamento. Dall'altro lato però la durata temporanea dei risultati può costituire un vantaggio in quanto consente al soggetto di valutare con tranquillità se gli effetti ottenuti sono quelli da lui desiderati.

 

Se si desiderano ulteriori informazioni inerenti alla medicina estetica per la bioristrutturazione a Bergamo c/o il Poliambulatorio MYCLINIQUE, in via Bellini, 43 Cap 24129, è possibile contattare il centro telefonando al numero oppure scrivendo nel modulo contatti presente nel nostro sito.

MyClinique