Il trattamento di needling per la calvizie è disponibile a Bergamo presso il centro MYCLINIQUE. Il problema della perdita di capelli, diradamenti, indebolimenti, fino ad arrivare alla calvizie, continua ad interessare una grossa fetta della popolazione, in maggioranza maschi, ma non solo. Le terapie farmacologiche tradizionali non riescono a sortire effetti soddisfacenti sul 100% dei pazienti, spesso le percentuali sono decisamente più basse, in base anche all’eziologia del problema. Ciò ha spinto, negli ultimi anni, la ricerca, nel campo della medicina estetica, di soluzioni efficaci che evitino il ricorso alla chirurgia (generalmente si parla di trapianto dei capelli). Tra gli ultimi ritrovati vi è il needling. Questa nuova tecnica consiste nella micro perforazione della cute attraverso un rullo ricoperto di aghi in acciaio chirurgico di una lunghezza che può variare, ma in grado di arrivare al derma. Il derma è lo strato della pelle che si trova al di sotto di quello più superficiale, vale a dire l’epidermide, ad una profondità di oltre 1,5 mm. L’azione degli aghi produrrebbe quindi delle micro lesioni alla pelle e sfrutterebbe il normale meccanismo di autoriparazione che essa mette in atto in caso di traumi, come succede per tagli e, appunto, punture. Infatti queste lesioni stimolano l’azione dei fibroblasti nella produzione dei fattori di crescita per la riparazione del tessuto. I fattori di crescita nel caso della cute del cuoio capelluto danno un sostegno ai follicoli piliferi, che si trovano nello stesso strato dermico, ridandogli vitalità e forza, riattivando quelli inattivi e stimolando quelli pigri, comportando quindi un miglioramento della forza dei capelli e un arresto della loro caduta.

 

INDICAZIONI AL TRATTAMENTO

Il needling è utilizzato per qualsiasi caso in cui si noti una caduta eccessiva e dunque un diradamento dei capelli. Una caduta fisiologica è quella che rientra nei 100 capelli al giorno. Quando i capelli che si ritrovano nella spazzola sono vistosamente di più o quando si nota una diminuzione visibile di densità dei capelli sul cuoio capelluto, può essere dovuto a diverse ragioni. Non vi sono eziologie particolari in cui il trattamento in questione è più indicato: che si tratti di alopecia androgenetica, areata o di altro tipo, il needling può essere un valido aiuto a combattere il problema, specialmente in fasi non troppo avanzate. Prima si ricorre al trattamento, migliore sarà il risultato. Per completezza di informazione c’è da dire che il needling dermaroller è una tecnica che non viene sfruttata solo contro la caduta dei capelli ma anche per il ringiovanimento della pelle, in caso di assottigliamento della cute, di rilassatezza cutanea, per i segni dell’acne o per cicatrici e per le smagliature di recente formazione, in quanto oltre alla produzione di fattori di crescita, stimolando i fibroblasti, aumenta anche la produzioni delle fibre di collagene ed elastina, deputate alla compattezza ed alla elasticità della pelle.

 

IL TRATTAMENTO

Il trattamento può essere seguito in ambulatorio, dunque non richiede ricoveri. La seduta inizia con l’applicazione di una pomata anestetica sulla zona da trattare. Si lascia agire per il tempo necessario affinché faccia effetto, in genere 15 minuti all’incirca, dopo di che si può procedere con il rullo ricoperto dagli aghi. Lo strumento viene passato su ogni zona per 6/10 volte, in diverse direzioni: verticale, orizzontale e diagonale, per un tempo totale di 5-10 minuti circa. Una volta terminata questa operazione si applica una crema a base di principi attivi adatti, come fattori di crescita, acido ialuronico (utile a restaurare l’equilibrio idrico del capello e a formare una matrice cellulare più densa per dare volume alla chioma), biotina (una vitamina che è utile per il benessere delle ossa come della pelle e dei capelli). L’applicazione di tali sostanze serve ad aumentare il risultato del trattamento. Esse hanno un effetto maggiore se applicate dopo la seduta di needling in quanto riescono a penetrare più a fondo, proprio grazie alle micro perforazioni allo strato dell’epidermide, la cui parte basale normalmente agisce da barriera. Al termine della seduta si può riscontrate un po’ di rossore, al massimo un lieve gonfiore della zona trattata, ma senza altri particolari fastidi.

 

POST-TRATTAMENTO

Dopo il trattamento non sono previsti tempi di recupero o di convalescenza in quanto, come si è visto, si tratta di una tecnica altamente non invasiva. Si può tornare immediatamente alle proprie attività abituali e alla vita sociale senza particolari fastidi. Si dovrà solo evitare di stressare ulteriormente il cuoio capelluto, evitando, per esempio, l’esposizione al sole, per qualche giorno/settimana.

 

CONTROINDICAZIONI E RISCHI

I casi in cui il needling è controindicato sono: patologie cutanee attive, problemi di coagulazione, collagenopatie, cioè alterazioni nella formazione delle fibre di collagene, problemi di cicatrizzazione, così come tendenze alla formazione di cheloidi, vale a dire una crescita di tessuto fibrotico al di fuori della norma. Nonostante il trattamento abbia, quindi, rischi molto bassi essendo poco invasiva, non utilizzando nessuna sostanza che possa rivelarsi potenzialmente tossica ed essendo controindicata solo in pochi casi, è sempre necessario affidarsi a medici professionali e preparati, che abbiano la totale padronanza della tecnica e le conoscenze adeguate.

 

DURATA DEI RISULTATI

Il trattamento si svolge in più di una seduta, in genere 3 o 4, una ogni 4/6 settimane. È consigliabile poi una seduta a cadenza annuale per il mantenimento del risultato. Gli effetti si iniziano a notare dopo i primi 30/60 giorni. La variabilità è data dalle caratteristiche di ogni singolo individuo. Questa tecnica può essere anche associata alle infiltrazioni di PRP, cioè Plasma ricco di piastrine. Le piastrine sono ricche di fattori di crescita e stimolano le cellule staminali follicolari, comportando un aumento della produzione di nuovi follicoli piliferi. Il PRP si ottiene semplicemente da un prelievo del sangue del paziente. Esso viene poi centrifugato per separare il plasma da resto del sangue. Infine il PRP così ottenuto può essere iniettato dove è necessario, in diverse sedute.

 

I VANTAGGI DELLA CARBOSSITERAPIA PER LA CALVIZIE

I pro del needling sono diversi; in primo luogo bisogna sottolineare il fatto che con questa tecnica non si usano sostanze aggressive o che rischiano di avere effetti collaterali, che possono essere non tollerate dal paziente o che possono provocare reazioni allergiche. Anche se abbiamo detto che dopo aver passato il rullo ricoperti di aghi si procede con l’applicazione di creme specifiche, si tratta di sostanze già presenti e prodotte dal nostro stesso organismo semplicemente in “soluzioni” più concentrate, e, inoltre, non è da queste creme che dipende il risultato del trattamento che invece sfrutta in primis il naturale processo di rigenerazione e riparazione della pelle. Un altro lato positivo è dato dalla non invasività. Questo è senz’altro un aspetto che attira anche i più restii e spaventati dai trattamenti estetici. Una conseguenza di ciò sono i tempi di convalescenza praticamente nulli. Un altro dato da considerare è la durata del trattamento, che è molto breve.

 

Se si desiderano ulteriori informazioni inerenti alla medicina estetica per il needling per calvizie a Bergamo c/o il Poliambulatorio MYCLINIQUE, in via Bellini, 43 Cap 24129, è possibile contattare il centro telefonando al numero oppure scrivendo nel modulo contatti presente nel nostro sito.

MyClinique