La mesoterapia, disponibile a Bergamo presso MYCLINIQUE, è una tecnica adottata per contrastare disturbi di diversa natura (estetica o pseudo-patologica) e consiste nell'iniettare nel mesoderma dei farmaci che agiscono penetrando nella zona interessata attraverso degli aghi sottilissimi. Il termine mesoterapia deriva da mesoderma, vale a dire lo strato medio-profondo derma in cui è possibile iniettare delle sostanze.

 

INDICAZIONI AL TRATTAMENTO

L’obiettivo principale della mesoterapia è l’eliminazione il ristagno di liquidi nei tessuti cutanei e sottocutanei, detto ritenzione idrica, problema che si manifesta come comune inestetismo della cellulite (panniculopatia edemato-fibro-sclerotica). Infatti, il trattamento consente di smaltire in maniera corretta le scorie derivanti dal metabolismo cellulare, tramite un idoneo drenaggio a livello di sistema circolatorio venoso e linfatico. Il trattamento permette inoltre di contrastare l’invecchiamento cutaneo del volto generando un'azione biostimolante, di ridurre i segni dell'acne, per combattere la presenza di insufficienze a livello venoso e linfatico, per trattare eventuali traumatologie derivanti dall’attività sportiva nonché per curare diverse osteo-artro-reumopatie. È fondamentale eseguire tale tecnica sotto il controllo del medico, solo successivamente a una scrupolosa diagnosi. Sarà infatti lo specialista a identificare la tecnica curativa più idonea allo specifico caso e a procedere alla somministrazione dei farmaci, eventualmente.

 

LA CELLULITE

La cellulite può essere favorita dalla presenza contemporanea dei seguenti fattori:

  1. un’alimentazione poco sana: in questo caso il fegato non riesce smaltire le tossine, che vanno a depositarsi negli spazi intercellulari;

  2. uno stile di vita eccessivamente sedentario, praticare poco sport;

  3. il consumo di alcool, caffè e fumo;

  4. un livello di stress eccessivo che influisce negativamente sull’organismo attraverso rilascio di ormoni alterato e ritenzione idrica;

  5. un uso eccessivo di capi d’abbigliamento quali collant, pantaloni troppo stretti o calzature con tacchi molto alti;

  6. una varietà di disfunzioni a livello ormonale o un’ipersensibilità agli estrogeni;

  7. l’assunzione di alcuni tipi di farmaci.

Per contrastare il rischio di insorgenza della cellulite, è fondamentale adottare uno stile di vita sano, evitare di incorrere in condizioni di sovrappeso e praticare regolarmente attività sportiva. In caso di evidenti inestetismi legati al problema, la mesoterapia è tra le soluzioni offerte dalla medicina estetica per combatterla.

 

IL TRATTAMENTO

Come già accennato, i farmaci vengono iniettati per via intradermica attraverso aghi estremamente sottili della lunghezza di 6 mm. Questi tipo di somministrazione permette di raggiungere i distretti con una piccola quantità di soluzione farmacologica, in maniera molto rapidamente e con un’azione prolungata. Nonostante questi vantaggi, la mesoterapia non può essere adottata in presenza di determinate patologie ed è possibile applicarla solo nei casi in cui l’organismo risponda positivamente al trattamento intradermico. Ad esempio, la mesoterapia non è efficace per le patologie che coinvolgono gli organi interni. Il trattamento non è doloroso, ma qualora fosse ritenuto opportuno viene aggiunto dell’anestetico al farmaco somministrato per evitare qualsiasi forma di fastidio.

 

FARMACI UTILIZZATI PER IL TRATTAMENTO

I farmaci utilizzati di solito per la mesoterapia comprendono: analgesici, antinfiammatori, antiedemigeni, farmaci anti-age, protettivi dei capillari e lipolitici. I farmaci possono essere somministrati al paziente tramite un iniettore singolo, o tramite multi-iniettori (contengono massimo 18 aghi). Naturalmente occorre che il medico accerti che il paziente non sia allergico alla sostanza da iniettare, per non rischiare di incorrere in manifestazioni avverse, quali allergie. Di solito, i primi miglioramenti avvengono dopo circa 10 sedute mesoterapiche. Esistono inoltre, delle tecniche di supporto alla mesoterapia come il linfodrenaggio, gli idromassaggi, i fanghi termali, i bendaggi, la liposuzione (una tecnica chirurgica), la pressoterapia ed il laser. Anche assumere estratti vegetali e/o altri farmaci per via orale, sotto consiglio medico, può avere un effetto complementare sulla mesoterapia. Nel caso dell cellulite, ad esempio, il paziente può assumere sostanze che stimolano il microcircolo ed incrementano la resistenza dei vasi, come l’ippocastano o la centella asiatica.

 

POST-TRATTAMENTO

Il farmaco iniettato è a lento assorbimento, per cui tende a rimanere nella zona soggetta a trattamento fino a 12 ore. Non vengono quindi usati detergenti ed occorre evitare di massaggiare e comprimere la zona trattata almeno fino al giorno seguente le iniezioni. Il farmaco non si diffonde nelle aree circostanti a quella dell’iniezione, per cui gli effetti collaterali sono molto ridotti. . A seguito del trattamento non sono necessarie speciali indicazioni ad ogni modo è sempre consigliato dopo ogni seduta applicare creme e lozioni sull'area cutanea trattata. Inoltre nelle successive 12-24 ore è sconsigliata l'esposizione a raggi UV sopratutto in presenza di leggere o evidenti ecchimosi o ematomi cutanei.

 

RISCHI E CONTROINDICAZIONI

Se il farmaco non viene iniettato nella zona corretta o se viene somministrata una quantità eccessiva, il paziente potrebbe manifestare dolore. Anche una soluzione troppo acida potrebbe far si che il paziente lamenti fastidio o dolore. Il medico deve accertarsi che il paziente non sia allergico o presenti sensibilità al farmaco da iniettare, per evitare spiacevoli manifestazioni che potrebbero sfociare in uno shock anafilattico. È poco frequente che i farmaci utilizzati nella mesoterapia causino gravi effetti avversi generalizzati, come allergia, eczema, ecc, ma in seguito al trattamento, è possibile che nella zona interessata, la pelle presenti ponfi, cioè lesioni edematose d'interesse dermico che appaiono come rilievi leggermente accennati dovuti alla rottura del vaso. Generalmente, i pomfi regrediscono nel giro di poche ore. Se le sedute di mesoterapia sono effettuate in maniera scorretta, nella zona trattata potrebbero svilupparsi cicatrici ipopigmentate o raramente lesioni d'iper-pigmentazione, i cui segni scompaiono nel giro di qualche settimana. Più rara è l'alterazione della sensibilità della cute nella zona trattata, un fenomeno coincidente con il trattamento che in genere scompare dopo alcuni minuti. Inoltre, alcune sostanze potrebbero comportare irritazione, arrossamento ed alterare la temperatura dell'area sottoposta a trattamento. Sebbene la mesoterapia non esponga i pazienti ad effetti collaterali gravi, è importante fare attenzione alle controindicazioni collegate alla storia clinico-patologica del paziente. La mesoterapia, ad esempio, è del tutto controindicata se il paziente è affetto da: leucemia, diabete, patologie cardiache, infezioni del sangue, se si sta assumendo aparina o se è stato curato precedentemente con chemioterapia o radioterapia. La mesoterapia è assolutamente da evitare gravidanza e in allattamento, a causa dei possibili effetti collaterali sul bambino.

 

DURATA DEI RISULTATI

La mesoterapia offre ottimi risultati ma è bene mantenere uno stile di vita sano per mantenere il nuovo aspetto. Inizialmente il paziente effettuerà una seduta alla settimana, successivamente verrà sottoposto a sedute mensili, per consentire il mantenimento dei risultati.Solitamente, un ciclo di mesoterapia comprende uno svariato numero di sedute (in genere vengono effettuate dalle 8 alle 15 sedute).

 

Se si desiderano ulteriori informazioni inerenti alla medicina estetica per il trattamento di mesoterapia a Bergamo c/o il Poliambulatorio MYCLINIQUE, in via Bellini, 43 Cap 24129, è possibile contattare il centro telefonando al numero oppure scrivendo nel modulo contatti presente nel nostro sito.

MyClinique